Aprire una Pizzeria al Taglio

Da IGWIKI.

 E’ una formula che risponde alle crescenti esigenze di chi non rinuncia a mangiare genuino anche se è fuori casa. Ecco perché aprire una focacceria- pizzeria al taglio-creperia.
Il “modus vivendi” degli italiani è cambiato negli ultimi decenni. È ormai un dato di fatto che trascorrono sempre meno tempo seduti a tavola in famiglia e che, rispetto al passato, le donne sono meno disponibili a stare ai fornelli.
Si sono sviluppati nuovi stili e abitudini nei consumi alimentari che hanno favorito il sorgere di attività originali e innovative come la focacceria, la pizzeria al taglio e la creperia, che rappresentano la risposta più adeguata alle moderne esigenze alimentari.

Le oltre 16.000 pizzerie al taglio presenti sul territorio nazionale soddisfano le esigenze di chi desidera concedersi uno spuntino sfizioso e rappresentano la soluzione ideale per il sempre crescente numero di individui che hanno bisogno di acquistare un pranzo già pronto o che sono costretti a consumare un pasto veloce fuori casa.

Oltre a ciò, ci sono altri due fattori che concorrono al successo di questo genere di attività: la novità dell’offerta di un prodotto tradizionale e intramontabile come la pizza insieme alle crêpes, più sofisticata produzione d’oltralpe, e il ritorno ai valori della gastronomia nostrana. In controtendenza al boom registrato dai prodotti surgelati di questi anni ‘90 sta crescendo, inoltre, il numero dei consumatori che si orientano verso il recupero della tradizione culinaria, prediligendo una produzione artigianale che offra maggiori garanzie di genuinità e freschezza.

Si spiega così perché il business che deriva dalla produzione artigianale e dalla vendita al taglio di prodotti farinacei sia dolci sia salati, già molto sviluppato in altre nazioni europee, si sta affacciando anche sul mercato italiano.
In Italia questo genere di attività sta prendendo campo ancora lentamente, ma con esiti ugualmente positivi.

I VANTAGGI DEL BUSINESS
Avviare una focacceria, pizzeria al taglio e creperia è dunque un’idea piuttosto attraente. Esistono diversi motivi che la rendono un business da valutare con attenzione, in grado di fornire un buon reddito.

Mercato nuovo e in espansione: In Italia l’apertura di locali che propongono la produzione tipicamente nazionale di pizza e focaccia,
accostandola alla più sofisticata cuisine française, con le deliziose crêpes, rappresenta ancora una novità tutta da scoprire e destinata ad evolversi.

Attività tradizionale e innovativa insieme: il comportamento alimentare degli Italiani si sta evolvendo verso la richiesta sempre più elevata di
prodotti lavorati artigianalmente, che rispettino la tradizione e che offrano al tempo stesso diverse opportunità di scelta anche fra i sapori sfruttati dalla gastronomia più innovativa e all’avanguardia.

Elevate opportunità di guadagno: il costo delle materie prime necessarie per la preparazione dei prodotti ha una bassa incidenza sul loro prezzo di vendita. Avviare un’attività di questo tipo offre quindi l’opportunità di guadagnare molto.
Soprattutto se si è in grado di proporre un servizio e dei prodotti di qualità e se si possiede la giusta dose di intraprendenza e creatività.

Competenze tecniche facilmente acquisibili: produrre una buona pizza o focaccia da vendere al trancio e realizzare sfiziose crêpes è abbastanza
facile e possibile per chiunque si voglia dedicare con passione a questo lavoro e decida di seguire un valido corso professionale.

I prodotti possono essere venduti con facilità nei diversi momenti della giornata: pizze e focacce sono prodotti molto richiesti. Possono essere consumate in ogni momento della giornata con il vantaggio di essere molto più economiche rispetto ai prodotti che si possono acquistare, ad esempio, in una rosticceria o in un bar-tavola calda.

Opportunità di beneficiare dei finanziamenti a tasso agevolato previsti per chi avvia un’attività artigianale: chi avvia un’attività artigianale può beneficiare di finanziamenti specifici come per esempio quelli Artigiancassa. Per sapere quali sono i finanziamenti ai quali è possibile avere accesso ci si può rivolgere alle sedi locali delle associazioni di categoria cui fanno capo gli artigiani come la C.N.A., la Confartigianato e la C.A.S.A.

I clienti consumano volentieri i prodotti: il piatto unico, composto da pizza o pasta, combinate variamente con verdure e condite con poche proteine e con olio di oliva, rappresenta il regime ideale in alternativa a una dieta prevalentemente Carnea.

Locali di dimensioni contenute: se ci si limita a vendere prodotti da asporto, per svolgere l’attività, può bastare un locale con una superficie anche di soli 35/40 metri quadrati, compresi i servizi. Non solo, quindi, dovrebbe non essere difficile trovarlo. Ma anche il canone di affitto può essere contenuto.


Fonte: Bollettinodellavoro.it – Febbraio 2011